giovedì, ottobre 16, 2014

Roy of the Rovers



A cura di Andrea Cortez Bernini

Nella sua "patria" d'eccellenza non poteva mancare una story paper di successo sul Calcio.
Il protagonista è Roy Race, attaccante dei Melchester Rovers, che apparve per la prima volta come striscia nel 1954 sul settimanale a fumetti "Tiger" creata da Frank Pepper, per diventare a metà dei 70 una pubblicazione con propria testata con uscita settimanale e poi mensile sino al termine delle pubblicazioni.
Uscì regolarmente dal settembre 1976 al marzo 1993 con cadenza settimanale poi dal settembre 1993 al marzo 1995 come mensile.
Storie di campi di pallone, spogliatoio, match of the day e vita quotidiana del popolare calciatore che nell'arco di 22 anni di militanza Rovers ha conquistato 9 campionati nazionali, 8 FA Cup, 3 Coppe di Lega, 3 Coppe europee, 1 Coppa UEFA, e 4 Coppe dei Campioni.
Un mito!
Nel 2012 la Royal Mail onorò la popolare striscia inserendola in una collezione speciale di stampe sulla storia del fumetto in UK.

25 commenti:

  1. Fighissimo. Chissà se si trovano ancora dei numeri in giro

    RispondiElimina
  2. Erano talmente famosi che la TOFSS la famosa ditta che produce meglie da calcio d'epoca, aveva la maglia dei Melchester Rovers nel catalogo!

    RispondiElimina
  3. In UK si trovano ancora,più o meno facilmente,ma non ci furono traduzioni italiane...unico caso di calcio SERIO a fumetti che posso segnalare in patria è "Il gioco del calcio" di Giuliano Covetti,pubblicato nell'ottobre 1975 da Cenisio,dove si spiegano le regole fondamentali attraverso una storiella illustrata.
    In appendice compaiono anche interventi di Fabio Cudicini,per gli aspiranti portieri,di Sergio Brighenti e di Fulvio Bernardini (ai tempi ct della nazionale).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuliano GIOVETTI...pardon !

      Elimina
    2. Giovetti giocò anche in Serie A Modena, Como e Torino, con 79 presenze e 22 gol (wikipedia)

      http://it.wikipedia.org/wiki/Giuliano_Giovetti

      Elimina
  4. ricordo che il guerin sportivo a fine anni 70 aveva un fumetto nelle ultime pagine, uno era su un calcatore di nome kid cox ribelle e fuori dagli schemi un altro su calciatore più tradizionale (di cui mi sfugge il nome)
    alberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ha ha ha ha vero! Kid Cox in bianco e nero, smaccatamente ambientato in Inghilterra

      Elimina
  5. grandioso questo Roy of The Rovers,peccato qui non l'abbiano pubblicato,...ricordo sempre con affetto le risse in campo dell'Andy (Capp) ed. Corno,...non s'è mai capito come facesse a correre così con tutto quello che trangugiava/pippava al pub,...artrochè la Cosa o Silver Surfer,..un autentico Supereroe,...grandissima strip, idem TOMMY WACK

    RispondiElimina
  6. Andy Capp e Tommy Wack,le strip britanniche più famose nel mondo,oltre al football prediligevano rugby e crickett...ma erano,appunto,strisce umoristiche sugli ozi ed i vizi della working class. Anche in Italia si ironizzava molto sullo sport,anche da parte dei grandi umoristi come Jacovitti,Bonvi e Magnus.
    Mancava però un fumetto serio sull'argomento e questo del "Guerin Sportivo" al momento mi sfugge,non lo ricordo.
    Furono tradotte,invece,alcune storie ad opera del sudamericano Josè Luis Salinas,con protagonista Dick Gunner (il cannoniere) e pubblicate nel 1975 nella serie "I Quaderni del Fumetto" (assieme ad altri avventurosi classici,tipo Mandrake e Phantom)...............grande periodo gli anni 70,per il cinema ed il fumetto in Italia,forse molto più che per la musica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, Ursus io ricordo anche di aver visto giornalini a fumetti dal titolo 'Il centravanti' quando ero a naja

      Elimina
    2. Pare anche a me...forse era un porno di bassa categoria,ma lo ricordo vagamente.

      Elimina
  7. Le epiche proteste di Andy Capp vs the fucking referee eran fantastiche!!!
    Io scoprii questa storia proprio tramite il catalogo Toffs perchè fui preso dalla curiosità di sapere cosa cappero fosse sto Melchester Rovers di cui ignoravo l'esistenza :-)

    Charlie

    RispondiElimina
  8. A proposito di cinema : a Mich piacerà senza dubbio il LANDO nazionale,nella pellicola "L'arbitro" (sempre di quegli anni) diretto da Luigi D'Amico...Joan Collins splendida,prima di diventare la star di soap opera a Dallas.

    RispondiElimina
  9. La fabbrica di scarpe GOLA pubblicizzava nei 70s le scarpe da calcio con Roy Race che le calzava.

    Cortez

    RispondiElimina
  10. Scusate l'intromissione. Non era Dick dinamite il calciatore sul guerin?

    P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente P. complimenti!
      C

      Elimina
  11. Grande Cortez!!
    Bella bro..
    C

    RispondiElimina
  12. A proposito di GENI del fumetto : ieri è mancato il grande GIORGIO REBUFFI,creatore (dagli anni 50 in avanti) di personaggi come Tiramolla,il cane Pugacioff,lo sceriffo Fox,OTTAG e molti altri...se ne vanno sempre i migliori e purtroppo non si sa cosa resta.

    RispondiElimina
  13. purtroppo non l'ho visto, ma di Luigi F. D'Amico e con LANDO ho visto di recente 'san Pasquale Baylonne Protettore delle Donne',..puro cinema 'intellettuale' alla M. De Oliveira haha,.....Andy autentico precursore della Crociata anti-arbitrale haha

    ps: mi dispiace, grande Tiramolla

    RispondiElimina
  14. Se n'è andato pure Clive Jones dei BLACK WIDOW...il primo album "Sacrifice" fu uno dei miei primi amori : tra i precursori del cosidetto "dark sound" che non nasce,come molti credono,con le tristezze noir degli anni 80,ma aveva una sua radice intensa nella psych britannica di fine 60 (anche con gli High Tide ed i primissimi Black Sabbath)...fondatore del gruppo,nonchè flautista e saxofonista...rest in peace,Clive !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, io ce l'ho uno dei Black Widow, venivano 'etichettati' come 'hard rock' da certa critica,.. ma in realtà avevano canzoni anche molto 'psichedeliche',...idem certe realizzazioni dei primi URIAH HEEP,..o i THIN LIZZY,..o i BLUE OYSTER CULT in USA,..definirli semplicemente 'hard rock' è limitante, penso

      Elimina
  15. Ho letto. Anche uno dei Manhattan Transfer (un po' un altro genere ma a me piacevano anche loro)

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails