giovedì, ottobre 02, 2014

Aston Villa on tour Germania 1938



Una delle consuete bellissime storie di calcio a cura di ALBERTO GALLETTI

Nella tarda primavera del 1938 l’Aston Villa fu invitato, in virtù del grande prestigio del suo allenatore Jimmy Hogan sul continente (guidò la Svizzera alla finale olimpica del 24 e l’Austria a quella del ’36) a giocare una serie di tre partite in Germania sulla scia dell’amichevole che la nazionale inglese avrebbe disputato il 14 maggio all’Olympiastadion di Berlino; entrambe le occasioni scatenarono una serie infinita di polemiche e persino tensione diplomatica tra i due paesi.

La partita dell’Inghilterra fu preceduta da una fitta trama diplomatica che coinvolse il Foreign Office, la Football Association, e marginalmente il Premier britannico Neville Chamberlain, alla ricerca di un affannosa distensione delle politiche con la Germania.
Venne concessa la rivincita della la partita giocata a White Hart Lane nel 1935 nella quale i tedeschi ben figurarono nonostante la sconfitta per 3-0 da giocarsi questa volta a Berlino.

La situazione internazionale, precipitata dopo l’annessione (due mesi prima) dell’Austria preoccupava molto l’estabilishment britannico, la spedizione calcistica avrebbe dovuto essere inappuntabile, diplomaticamente ineccepibile e sportivamente vincente, il prestigio della Gran Bretagna ne doveva uscire intatto se non addirittura aumentato e le relazioni con la Germania mantenute entro certi limiti di cordialità.
Sull’altro versante i tedeschi convinti di avere una squadra forte almeno come l’Inghilterra erano in cerca di una clamorosa vittoria con la quale accrescere la supremazia del regime.

La partita assunse un’importanza spropositata.

L’ambasciatore inglese a Berlino dietro pressione del Foreign Office contattò l’allora segretario della FA Stanley Rous (in seguito presidente FIFA), raccomandandosi sull’importanza dell’avvenimento e, dopo aver dettato tutti i punti per la condotta della spedizione durante il tour, per ultima cosa chiese che durante l’esecuzione dell’inno tedesco i giocatori inglesi avrebbero dovuto fare il saluto nazista per non urtare la suscettibilità dello stato maggiore nazista, tutto presente in tribuna tranne Hitler e del pubblico (furono ricevute oltre 400000 richieste per i 110000 biglietti disponibili che andarono esauriti in un batter d’occhio).
Rous acconsentì, ma quando si recò negli spogliatoi per informare i giocatori scoppiò un manicomio, nessuno lo voleva fare e tutti si misero ad urlare, - Rous uscì dalla stanza e rientrò poco dopo insieme a Sir Neville Henderson ambasciatore britannico a Berlino che spiegò la situazione ai ragazzi.
Quello che ne scaturì fu uno dei momenti più imbarazzanti nella storia del calcio inglese.
La partita si concluse 6-3 per l’Inghilterra e scatenò un mare di polemiche in patria.

Seduti in tribuna c’erano i giocatori dell’ Aston Villa, con i loro dirigenti e l’allenatore Jimmy Hogan che l’indomani avrebbero dovuto affrontare sullo stesso campo una formazione combinata di Germania e Austria.
Il governo nazista protestò violentemente e il Foreign Office insistette pesantemente con il club affinchè i suoi giocatori rispettassero il protocollo voluto dal regime.
Ricordò poi Houghton “Hogan venne da noi e ci disse che il segretario della FA è andato dal presidente e gli ha detto che sarebbe meglio per tutti se voi domani faceste il saluto.
Così ci riunimmo e Cummings, Massie e gli altri scozzesi si inalberarono, no way dissero".

Il giorno dopo durante l’esecuzione dell’inno tedesco i giocatori del Villa rimasero sull’ attenti con le braccia lungo i fianchi, tra gli ululati del pubblico (altri 110000 spettatori) inferocito.
Ricordò in seguito Cummings
“Ci saranno stati 30° gradi quel pomeriggio, i tedeschi avevano messo dei secchi di acqua e ghiaccio lungo le linee laterali per potersi rinfrescare e quando mi avvicinai per usarli un addetto al campo me lo strappò di mano facendomi capire che noi avremmo dovuto fare senza, per tutta risposta sferrai un calcio al secchio colpendo l’inserviente e rovesciandogli addosso il contenuto, il pubblico s’imbestialì di nuovo, sembrava volessero mangiarci. Vincemmo la partita 3-2 e mentre la loro squadra salutò di nuovo all’uscita noi andammo verso una porta dove facemmo qualche tiro, scherzammo e fischiettammo uscendo dal campo, causando ancor più rabbia e costernazione”.

La stampa tedesca montò una campagna furibonda anti Aston Villa e anti-inglese e anche i dirigenti inglesi rimasero spiazzati, l’ambasciatore a Berlino, preoccupatissimo, richiamò Stanley Rous e i dirigenti dell’Aston Villa e li invitò ad attenersi al protocollo per la prossima partita.
Questa volta i giocatori dovettero accettare e obbedirono nella partita giocata a Dusseldorf tre giorni dopo e persa per 1-0.
Si presero comunque un ultima rivincita a Stoccarda in occasione dell’ultimo incontro dove si esibirono nel “two-finger salute” a braccio teso.
“La folla gradì, ci applaudirono e incitarono molto, non avevano idea di cosa significasse quel gesto”, raccontò ancora Houghton.
“Vincemmo la partita 2-1 li salutammo alla stessa maniera uscendo dal campo e uscimmo tra gli applausi”.
Bilancio finale del tour:
Governo Nazista 1-2 Aston Villa

18 commenti:

  1. ..grande Albe!! ...dovresti preparae un libtro di storie poco note....successo garantito...

    Clodoaldo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ha ha ha ha ha sarebbe bello, si.

      Elimina
    2. ...conta sul sottoscritto...

      Clodoaldo

      Elimina
  2. Quando Sir Galletti scartabella fra le pagine calcistiche, escono sempre storie, spesso sconosciute ai più e sempre interessanti.
    Sottoscrivo l'idea del libro..

    Cri IE

    RispondiElimina
  3. Hip Hip Hurra per il libro!

    (Inghilterra e Germania si sarebbero incontrate un paio di anni dopo ma su altri campi..)

    C

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. in effetti Chamberlain era quello (con ,..anzi ,...avec! Daladier) della politica del cosiddetto 'appeasement':),...che fu assolutamente deleteria, studiandola a posteriori,. sempre molto interessanti le connessioni tra Politica e Sport,..son sempre legati alla fine,.brau Gallétt

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare che Chamberlain se ne uscì addirittura con un "peccato che i crauti non giochino a cricket, si potrebbero sistemare parecchie faccende in altro modo..." o roba simile.
      Aveva poco polso, e nel '38 era già malato, ed era terrorizzato dall'idea di un'altra guerra contro la Germania (suo fratello aveva combattuto sul fronte occidentale), e ingenuamente credeva che accontendano un po Hitler sarebbe riuscito a tenerlo buono. Si sbagliava, H. aveva tutte altre idee scese a patti (poi non rispettati) solo per metterlo in condizione di inferiorità.

      Elimina
    2. esatto, la cosiddetta 'questione dei Sudeti',.in realtà (si è scoperto più tardi) i termini dell'accordo eran stati preparati non da Mussolini ma negli uffici di Von ribbentrop,....cmq grandiose le foto, quello a sinistra nella 2a sembra Osvaldo Bagnoli:)

      Elimina
  6. Ma che bel regalo mattutino Mr Galletti. THE SUN NEVER SET ON ASTON VILLA!!!! (più o meno) :-)
    Alberto posso ribaltare il pezzo nel forum dei Latin Lions?

    Charlie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da sempre i migliori!
      Eric Houghton è stato davvero un grandissimo!
      The sun never sets on Aston Villa

      KTF
      UTV

      Elimina
  7. In effetti ste storie dovrebbero trovare posto su carta soon as possible :-)

    Charlie

    RispondiElimina
  8. Mandami il link dei leoni quando hai fatto. Non riesco a girare in quei siti, troppo incasinati.
    Spero che i fratelli abbiano apprezzato.

    UTV

    RispondiElimina
  9. Certamente, il presidentissimo ha ricordato come questa vicenda sia una dei nostri fiori all'occhiello.

    www.latinlions.forumfree.it

    Charlie

    Charlie

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails